Campi Salentina

Salvare le sedi distaccate dei tribunali: si va verso il referendum

lunedì 6 gennaio 2014

La Corte costituzionale si pronuncerà tra dieci giorni sull'ammissibilità del referendum abrogativo della riforma della geografia giudiziaria, promosso da nove Regioni, tra cui la Puglia.

Il sì o il no al referendum che vuole cancellare il taglio di circa mille tra tribunali minori, sezioni distaccate di Corte d'appello e uffici del giudice di pace, è la prima della cause in ruolo della camera di consiglio della Consulta convocata per il 15 gennaio prossimo. Si tratta della prima volta nella storia repubblicana che i Consigli regionali si sono fatti promotori di un referendum abrogativo, nella convinzione che questa riforma, voluta dal governo Monti e portata avanti dall'esecutivo Letta, più che efficienza e risparmi, produca disservizi e penalizzi i cittadini.

Dopo la verifica da parte della Cassazione sulla regolarità formale delle delibere con le quali i nove Consigli regionali hanno chiesto di sottoporre al giudizio popolare la riforma, per il referendum è arrivato l'esame più difficile: per ammettere o meno il ricorso alle urne la Consulta dovrà valutare se il sistema giustizia sia in grado di funzionare anche abrogando la riforma, nel caso di una vittoria dei sì al referendum. Si saprà quindi tra appena una settimana se le sedi dei tribunali minori in provincia di Lecce (Campi Salentina, Tricase, Nardò, Gallipoli, Maglie, Galatina e Casarano), potranno essere salvate.

(In foto il tribunale di Gallipoli)
Altri articoli di "Campi Salentina"
Campi Salentina
19/06/2018
Il primo mese estivo, meteorologicamente parlando, non è partito a gonfie vele. ...
Campi Salentina
19/06/2018
Giovedì 21 giugno ore 20.45 nel centro culturale ...
Campi Salentina
19/06/2018
Il 27 luglio lo spettacolo della lunga eclissi  sarà visibile anche ...
Campi Salentina
18/06/2018
Un tour alla scoperta delle tipiche prelibatezze salentine: i giornalisti inglesi tornano ...
CON LE TEMPERATURE IN AUMENTO ATTENZIONE AI COLPI DI CALORE: IL RESPONSABILE DEL PRONTO SOCCORSO CI SPIEGA COME ...