Trepuzzi

"Bla Bla Bla": a Trepuzzi al via "La festa dei bambini"

giovedì 12 gennaio 2017
Dopo il posticipo per il maltempo, il 14 e 15 gennaio a Trepuzzi al via presso i locali di Via Pepe la prima edizione di Bla Bla Bla, la festa dei bambini: libri, laboratori e teatro dedicati all'infanzia.

Arriva finalmente a Trepuzzi, sabato 14 e domenica 15 gennaio, la prima edizione di "BLA BLA BLA La festa dei bambini". Dopo il posticipo dovuto al maltempo, ora tutto è pronto per la due giorni dedicata all'infanzia, con letture, arte, libri, teatro. In una dimensione intima e conviviale, volta a creare un'occasione preziosa di socializzazione e stimolo culturale per i bambini e le loro famiglie, si traccerà un nuovo percorso nell'approccio alla creatività della comunità dei piccoli nel territorio della Valle della Cupa. Il progetto, a cura di Vito Greco, è promosso e sostenuto dal Comune di Trepuzzi, Assessorato alle Politiche Sociali, in collaborazione con l'Associazione Es-Sentia Aps Arci.

Sabato 14 gennaio, Locali Via Pepe, ingresso libero

17.30, presentazione del libro: Piccola favola Salentina, di Chiara Marini, illustrazioni di Tamara Zambon, Edizioni Esperidi, incontro con l'autrice e l'editore.
Un viaggio in giro per il Salento in compagnia di amici inaspettati. La protagonista, Conchiglietta, bianca creatura del mare, desidera conoscere il mondo fuori dall’acqua e inizia un viaggio in compagnia del simpatico gatto Rosso alla scoperta di una terra unica e meravigliosa, il Salento: tra masserie, vigneti e meravigliosi borghi, la piccola conoscerà tanti amici che le insegneranno l’amore per la storia e le tradizioni. "Chiara Marini e Tamara Zambon hanno dato vita a un testo dove la fantasia a briglia sciolta galoppa tra le pagine dove le illustrazioni sono talmente ricche di colore che regalano una luce sognata e fluttuante. (...)Girovagando tra masserie, torri costiere, chiesette, vigneti, distese di ulivi maestosi dal tronco contorto e nodoso, campi di papaveri e girasoli, piante di fichi d’India che “sembrano spaventosi e pungenti, ma danno dei frutti molto buoni a chi sa prenderli per il verso giusto” ci si addentra nei meravigliosi borghi e luoghi salentini." (Paola Bisconti).

18.30: Shortgirls, spettacolo teatrale di e con Chiara Saurio.
In questo mini-varietà esilarante, Chiara Saurio si trasforma in una marionetta-umana irresistibile. All'interno di un teatrino, sfila un carosello di personaggi, che si alternano nell'esecuzione di pezzi comici, parlati, danzati, cantati, recitati. Il personaggio principale è Rosy La Payette, goffa soubrette dai modi sfacciati e irriverenti, che la fa da padrona e interagisce con il pubblico. Insieme a lei presto compaiono anche una dolce, ma poco leggiadra, ballerina classica, una cantante lirica in declino, un'attrice di teatro di prosa vecchio stampo, una prestigiatrice e tanti altri personaggi a sorpresa, tra cui la nonna di Rosy, una tipica salentina doc, pronta a dispensare consigli in materia di...tutto.
Lo spettacolo ha partecipato a numerosi Festival ed eventi, ha vinto nel 2012 il Premio Sganassau al Bellaria Comics Festival e ha partecipato, sempre nel 2012, ai programmi televisivi di Italia's Got Talent e Zelig Off, riscontrando un grande successo tra il pubblico, grazie alla particolarità e all'unicità della sua proposta.

Degustazioni di vino offerte da Cantele

Domenica 15 gennaio, Locali Via Pepe, ingresso libero
Maratona di storie fin dal mattino e per tutta la giornata
Ore 10.30, Presentazione del libro: La favola di Mamma Pipistrello, incontro con l'illustratrice e l'editore Modu Modu e con le sonorita di Somieh (Progetto Sprar Refuge- Arci Trepuzzi)
È una favola liberamente tratta da un racconto di Babakar Mbaye Ndaar, è una storia rivolta ai bambini dai 2 ai 6 anni con immagini molto semplici e immediate, dai colori vivaci, a cura di Marta Solazzo, che illustrano ai piccoli una storia di ribellione tratta dalla tradizione africana, ambientandola in un contesto occidentale di più facile comprensione. Mamma Pipistrello alla ricerca dei propri parenti, scoprirà di essere, lei, topo che vola, ha i denti e allatta i suoi piccoli, un animale unico al mondo! Una semplice e fulminante storia per far riflettere i più piccoli sul valore della Diversità.
Modu Modu è una piccola casa editrice nata da un’idea di Papa Ngady Faye e Antonella Colletta. Il loro è un bellissimo progetto: portare in Italia il meglio della letteratura africana, farla arrivare tra la gente tramite i venditori ambulanti di libri. Purtroppo in Italia molta della letteratura africana non viene tradotta e rimane in ambito universitario, accessibile a pochi. (http://modumodu.blogspot.it)

11.30, presentazione del libro: Il Sole e il gallo, di Mauro Scarpa e Alberto Giammaruco, incontro con l'autore e mini laboratorio dedicato e aperto al pubblico.
Il libro-progetto è realizzato con Regione Puglia e con la collaborazione di Corte Grande e Kurumuny edizioni. Una storia per bambini piccoli incentrata sui colori, ma anche un'occasione per giocare con il griko. Le traduzioni di Salvatore Tommasi permettono infatti di conoscere le parole del griko e di operare un confronto tra nuovo e tradizionale.
"Questso gallo racconta il suo risveglio e la sua nanna, e lo stesso fanno il cielo e le stelle. I colori stanno lì, come una passeggiata". Ogni presentazione è accompagnata da un laboratorio artistico che coinvolge genitori e bambini. Si parte dal libro, con particolare riferimento ai colori, e ogni bambino costruisce un suo libro-gioco personale utilizzando materiali differenti. L'obiettivo è quello di stimolare le capacità espressive attraverso un'attività manuale e creativa allo stesso tempo.

17.30, Presentazione del libro: Le pecore filosofe, di Maria Luisa Petruccelli e Irene Merlini, illustrazioni di Silvia Settepanella, Esperidi Edizioni. Dialoga con l'autrice la giornalista Ilaria Pellegrino.
Il libro nasce con l'intento di avvicinare i bambini alla filosofia, permettendogli di scoprire che filosofare è non solo ragionare, ma anche emozionarsi, è logica ma anche creatività. Un progetto insolito ed accattivante, rivolto alle famiglie ma anche a tutti coloro che si occupano di formazione per l'infanzia.
Immaginate un gregge di pecore fuori dagli schemi, che parlano di loro e delle cose del mondo, che vogliono confrontarsi non tanto per assomigliarsi, ma per capire meglio chi sono e quello che succede intorno. Immaginate si chiamino proprio come alcuni famosi maestri di pensiero, Eraclito, Socrate, Sartre, Pessoa.
La pecora, per definizione, ha un gregge di appartenenza, e nel linguaggio comune si è soliti associare il gregge alla mancanza di identità e di un pensiero proprio, a chi segue la massa senza chiedersi il perché delle cose. La filosofia d’altro canto invita all'esercizio del pensiero, promuove e incoraggia lo sviluppo del senso critico e delle capacità logiche, sottolinea l'importanza della domanda spronando l'uomo a interrogarsi su se stesso e su ciò che lo circonda. La Pecora Filosofa nasce dunque anche da un atto di “provocazione pedagogica”, invitando proprio quell'animale che per definizione è il simbolo di chi “non pensa con la sua testa” ad uscire dal gregge, a guardare le cose da un'altra prospettiva, a trovare il coraggio di esprimere e difendere le proprie idee, non in maniera solipsistica o narcisistica, ma restando dentro e fuori il proprio gregge.

18.30, Robin Hood - l'antieroe, spettacolo teatrale di Mauro Scarpa e con Mauro Scarpa, Emanuele Maggiore, Concita Brunetti, Carlo De Filippis.
Scarpa prende spunto dalla storia classica, proponendo temi e dinamiche della società contemporanea, e trendone uno spettcolo per bambine e bambini dai 3 ai 99 anni. Esiste una forma di giustizia praticabile al di là delle teorie e dei consumi?
"Ho ragionato su cosa significa ricchezza, e cosa produce la povertà in termini di emozioni negative in questo tempo di grandi teorie e di scarse pratiche. La giustizia è un diritto da perseguire tutti i giorni, e l’amore non è romantico, è vitale, spinge all’azione, la rende migliore. Ecco dunque la scoperta di un Robin Hood antieroe, lontano dall’immagine “simpatica e basta”. Robin Hood, al di là di tutto, c’è, è presente, cambia pelle per non arrendersi ai soprusi. È coinvolgente. Nessuna vittoria è possibile senza il gioco di squadra. La vita è come lo sport. Anche gli atleti che gareggiano da soli hanno bisogno di un squadra e di compgni di viggio. È questa sua vocazione sociale che rende Robin Hood determinato, senza necessità di compromesso con un potere che non ha cuore perché ha i soldi." (Scarpa)

Degustazioni di vino offerte da Cantele

I laboratori creativi 
I laboratori, tutti a numero chiuso, e proposti come prima attività sia nella sessione mattutina che in quella pomeridiana, sono stati pensati per coinvolgere bambini di diverse fasce di età, dai 4 ai 10 anni e curati da operatori e formatori con esperienza nel campo dell'infanzia e dell'arte. Dalla manualità e la musicalità, alla scrittura, al collage, al riciclo, filo rosso è sempre la carta, le storie, le letture, l'immaginazione: imparare creando e divertendosi. (attività laboratoriali solo su prenotazione al numero: 392.6071733 )

Angolo delle libere letture
Durante la manifestazione sarà allestito un angolo speciale: SFOGLIAMI!
Un tavolino e tanti bellissimi libri per l'infanzia da sfogliare da soli o insieme ai genitori, una full immersion nel meraviglioso mondo della carta e del bene comune dei libri, in collaborazione con la Biblioteca comunale di Trepuzzi.

La mostra
In entrambi i giorni, nello spazio di Via Pepe dove si svolgerà la rassegna, sarà possibile ammirare Mostrami! Piccola bipersonale di illustrazione di Chiara Spinelli e Valeria Puzzovio. Tratti essenziali, colori pastello e le figure stilizzate accomunano disegni di Chiara Spinelli, classe '92. L'artista utilizza spesso piccoli formati, come supporto buste da lettera che evocano una missiva del bambino indirizzata a un genitore lontano, per mostrargli la propria visione del mondo e della vita, tra elementi di dolcezza e di celata critica ad un tempo spesso troppo vuoto, spesso troppo prevedibile.
Le opere di Valeria Puzzovio, classe '85, sono caratterizzate da una specifica schiettezza narrativa, Piccoli spaccati che raccontano storie private e pubbliche. Tutte assieme, le opere costituiscono una narrazione a più livelli che si riferisce a tempi diversi e a diverse situazioni. È un racconto sulla vita, sulle città, sulla memoria, l'affetto, la società di oggi. Puzzovio adotta stili e tecniche anche molto diverse tra loro, talvolta mescolando e sperimentando. Pastelli e matite sono però la sua migliore “arma di seduzione".

Il progetto
Bla Bla Bla è una rassegna, ma anche un nuovo progetto dedicato all'infanzia e incentrato sulla promozione e diffusione della lettura e dell'arte attraverso alcune delle storie più interessanti dell'editoria italiana, giochi, e laboratori creativi. Piccole azioni che vogliono tracciare un nuovo percorso nell'approccio alla creatività della comunità dei piccoli nel territorio della Valle della Cupa. Il progetto, a cura di Vito Greco, è promosso e sostenuto dal Comune di Trepuzzi, Assessorato alle Politiche Sociali, in collaborazione con l'Associazione Es-Sentia Aps Arci.


Info 392.6071733 (laboratori solo su prenotazione)
rassegnablablabla@gmail.com
fb: rassegnablablabla
Altri articoli di "Trepuzzi"
Trepuzzi
17/08/2017
Non il ritorno del gran caldo ma, anzi, l'arrivo di un ...
Trepuzzi
16/08/2017
Sul Salento continuano ad affluire moderate ...
Trepuzzi
15/08/2017
La giornata di oggi, Ferragosto, sarà caratterizzata ...
Trepuzzi
14/08/2017
Fresche correnti settentrionali continueranno a rendere ...