Trepuzzi

Rubano auto a un disabile e provano a staccare il Gps: accerchiati e arrestati

venerdì 6 marzo 2020

Operazioni anticrimine della Polizia di Stato per il contrasto dei reati contro il patrimonio e spaccio di sostanze stupefacenti.

Stavano cercando il Gps su un’auto rubata all’interno di un oliveto i due pregiudicati arrestati dagli della polizia di Stato in servizio presso la Squadra Mobile di Lecce, unitamente a personale della Sezione Volanti, nel corso di specifica attività, finalizzata al contrasto dei reati predatori a seguito della segnalazione di furti di vetture.

Si tratta di Cosimo Carone, 53enne, e Cosimo Ragusa, 48enne, entrambi residenti a Brindisi, sorpresi in una zona nei pressi della ss.613 Lecce-Brindisi, all’altezza dello svincolo per Trepuzzi. In pregressi sopralluoghi, gli agenti avevano rinvenuto parti di veicolo, tra cui centraline elettroniche, sistemi satellitari Gps e altri pezzi di veicoli di precedenti furti.

I due sopraggiungevano alla guida di due veicoli di cui uno è risultato essere un Fiat Doblò, attrezzato per il trasporto di disabile e asportato poco prima in città. Anche i due arrestati venivano sorpresi nel mentre ricercavano sul veicolo appena rubato la presenza di eventuali sistemi Gps, per non permettere l’eventuale localizzazione del mezzo.

I due venivano accerchiati quando avevano già forzato i nottolini di aperture portiere e di accensione ed avviato il veicolo con falsa centralina precedentemente predisposta. I due tentativo la fuga venendo prontamente bloccati dagli agenti operanti e, condotti dopo le formalità di rito in carcere.

Restituito il veicolo appena sottratto all’avente diritto, come indicato persona diversamente abile con grave handicap a cui è precluso qualsiasi atto motorio, prima ancora che questi avesse preso coscienza di quanto accaduto, e senza che nessuno degli operanti o delle persone arrestate, subisse delle lesioni così come diversamente successo il 22 febbraio, quando un’altra coppia di pluripregiudicati brindisini, Gianmarco Macrì e Giovanni Tauro, venivano sorpresi in via Vecchia San Pietro, mentre utilizzando un chiavino con una chiave inglese ed una centralina elettronica appositamente predisposta, tentavano di forzare la serratura di una Fiat 500 in sosta, i quali alla vista degli agenti operanti della Squadra Mobile, si davano a precipitosa fuga, prima di essere bloccati.

Nel corso di quell’inseguimento, attraverso proprietà private, con lo scavalcamento dei muretti perimetrali di alcune villette, uno degli agenti operanti, riportava leggere lesioni, abrasioni ed escoriazioni varie, successivamente medicate dal personale del 118, mentre all’avente diritto veniva restituito il veicolo.


Altri articoli di "Trepuzzi"
Trepuzzi
09/03/2020
Le due sono state raggiunte e perquisite all'uscita di un supermercato di ...
Trepuzzi
04/03/2020
  “Invito tutte le famiglie pugliesi a non mandare i proprio figli a ...
Trepuzzi
04/03/2020
In quell'occasione si fece consegnare 900 euro sotto la minaccia di ...
Trepuzzi
03/03/2020
La scelta di non andare a scuola per motivi precauzionali ...
Sta per essere pubblicato uno studio sugli effetti nocivi di alcuni interferenti endocrini presenti in cosmetici, ...